Archivi categoria: incipit

Tieta do Agreste

Vi avverto fin dall’inizio: non assumo la benché minima responsabilità quanto all’esattezza dei fatti narrati, non ci metto la mano sul fuoco: solo un folle lo farebbe. E questo non solo perché sono già passati più di dieci anni, ma soprattutto perché in materia di verità ciascuno possiede la sua; lo stesso dicasi per la ragione e, nel caso in questione, non vedo possibilità  di mezzi termini né di accordi fra le parti.

Un intreccio incoerente, imbrogliato, pieno di contraddizioni e assurdità che, riuscendo a superare la distanza che intercorre fra una dimenticata cittadina di frontiera e la capitale

(duecentosettanta chilometri di buchi in un asfalto di infima qualità, più i quarantotto di fango di prima qualità – o di polvere di primissima, una polvere rossa impalpabile, che s’incrosta sulla pelle e resiste al sapone) è andato ad approdare sulle prime pagine dei giornali della metropoli.

Soffocare

Se stai per metterti a leggere, evita.

Tra un paio di pagine vorrai essere da un’altra parte. Perciò lascia perdere. Vattene. Sparisci, finché sei ancora in tempo.

Salvati.

Ci sarà pure qualcosa di meglio alla tv. Oppure, se proprio hai del tempo da buttare, che so, potresti iscriverti a un corso serale. Diventare un dottore. Così magari riesci a tirare su due soldi. Ti regali una cena fuori. Ti tingi i capelli.

Tanto, ringiovanire non ringiovanisci.

Quello che succede qui all’inizio ti farà incazzare. E poi sarà sempre peggio.



A CHRISTMAS CAROL

 

“MARLEY was dead, to begin with. There is no doubt whatever about that. The register of his burial was signed by the clergyman, the clerk, the undertaker, and the chief mourner. Scrooge signed it. And Scrooge’s name was good upon ‘Change, for anything he chose to put his hand to.

Old Marley was as dead as a door-nail.

Mind! I don’t mean to say that I know, of my own knowledge, what there is particularly dead about a door-nail. I might have been inclined, myself, to regard a coffin-nail as the deadest piece of ironmongery in the trade. But the wisdom of our ancestors is in the simile; and my unhallowed hands shall not disturb it, or the Country’s done for. You will therefore permit me to repeat, emphatically, that Marley was as dead as a door-nail.

Scrooge knew he was dead? Of course he did. How could it be otherwise? Scrooge and he were partners for I don’t know how many years. Scrooge was his sole executor, his sole administrator, his sole assign, his sole residuary legatee, his sole friend, and sole mourner. And even Scrooge was not so dreadfully cut up by the sad event, but that he was an excellent man of business on the very day of the funeral, and solemnised it with an undoubted bargain.


San Isidro Futból

Don Cayetano Altamirano non era propriamente l’alcalde di San Isidro. Tutti lo consideravano la massima autoritá nel raggio di almeno due ore di cammino, questo é vero, ma il governo non poteva riconoscergli la carica di sindaco per il semplice motivo che San Isidro non era neppure un paese.

( San Isidro Futból, Pino Cacucci, Feltrinelli Editore)